È possibile recuperare i dati da un SSD? Tutto quello che c’è da sapere

Gli SSD durano più a lungo che mai, ma ciò non significa che non possano guastarsi. Come recuperare i dati persi? È davvero possibile?

Fin da quando le unità allo stato solido (SSD) hanno fatto il loro arrivo sul mercato, sono sempre state acclamate per la loro velocità e affidabilità. Gli utenti presumono che, poiché un SSD non ha parti meccaniche, è meno probabile che subisca un guasto di tipo meccanico.

E grosso modo hanno ragione. Numerosi studi infatti indicano che un SSD dura più a lungo e offre prestazioni migliori più a lungo ma ciò non significa che sia indistruttibile. E se un SSD smette di funzionare, come si recuperano i dati? È prima ancora, si possono davvero recuperare i dati da un SSD?

Perché gli SSD si rompono?

Con un SSD non ci preoccupa dei componenti meccaniche che si consumano nel tempo. Questo perché non c’è un braccio mobile che scrive su un disco rotante, come in un disco rigido tradizionale.

Ciò non significa che il tuo SSD non subirà alcuna usura. I condensatori si degradano nel tempo, l’alimentatore potrebbe rompersi e il chip del controller potrebbe tirare le cuoia. Quindi, sebbene un SSD sia più affidabile di un disco rigido meccanico, ha componenti che possono rompersi e prima o poi si romperanno.

Tassi di usura delle unità a stato solido

Esistono tre misurazioni comuni utilizzate per descrivere i tassi di usura SSD:

Cicli P/E: un ciclo di cancellazione del programma è un processo in cui i dati vengono scritti su un blocco di memoria SSD, cancellati e riscritti. L’intero processo conta come un ciclo. Il numero di cicli che un SSD può sopportare dipende dal produttore, dall’hardware e dalla tecnologia SSD. I cicli P/E totali possono variare da un minimo di 500 fino a un massimo di circa 100.000.

TBW: la misurazione dei Terabyte scritti descrive la quantità di dati che puoi scrivere su un SSD prima che si guasti. Ad esempio, un SSD Samsung 860 EVO da 250 GB ha una valutazione di 150 TBW, mentre il modello da 1 TB ha una valutazione di 600 TBW. Come i cicli P/E, le valutazioni variano tra i produttori e in base alle caratteristiche tecnologiche.

MTBF: la Measurement of Time Between Failures è il terzo indicatore dell’affidabilità SSD. L’MTBF descrive l’affidabilità dell’SSD durante la sua durata prevista in condizioni di funzionamento normale ed è tipicamente misurata in decine di migliaia di ore.

Gli SSD sono costruiti per la longevità, quindi possiamo legittimamente aspettarci che duri un bel po’. Anzi, non ci sono molte cose che possono distruggere completamente un SSD: un sovraccarico di corrente, ad esempio, è una cosa che potrebbe danneggiare il dispositivo e comportare la perdita di dati, ma basta attrezzarsi contro quest’evenienza con dispositivo di protezione o un UPS per garantire che l’alimentazione sia stabile.

Tuttavia, man mano che il tuo SSD invecchia, i componenti elettronici si consumano e alla fine si guastano.

È possibile recuperare i dati da un SSD guasto?

Un SSD spesso non dà molti avvertimenti prima di fallire. I componenti elettronici non iniziano a stridere o ronzare man mano che invecchiano. Smettono di funzionare senza troppe avvisaglie.

Quando gli SSD erano appena arrivati sul mercato, gli specialisti del recupero dati non erano sicuri di poter recuperare i dati nello stesso modo in cui si farebbe con un normale disco rigido. Diversi anni dopo, le nostre competenze e attrezzature di recupero dati si rivolgono in modo completo anche agli SSD.

L’unica domanda è quanto sia efficace il recupero dei dati SSD. Il potenziale per il ripristino dei dati su un SSD è ostacolato dal modo in cui un SSD gestisce autonomamente la distruzione dei dati utilizzando il comando TRIM. Inoltre, la possibilità di ripristino dei dati dipende dallo stato dell’SSD. L’unità è completamente rotta o hai perso i dati a causa di uno sbalzo di tensione?

In che modo SSD TRIM influisce sul recupero dei dati?

Per capire come TRIM influisce sul recupero dei dati, è utile capire cosa succede quando si elimina un file sul computer.

Eliminazione dei dati su un disco rigido

Un disco rigido tradizionale archivia i file in posizioni fisiche su un piatto magnetico. Il sistema operativo indicizza le posizioni dei file in un file system e accede ai dati utilizzando un braccio meccanico. Un’unità a stato solido invece è una forma di memoria flash, come una chiavetta USB, ma con una capacità molto maggiore.

Quando premi Elimina, il file in realtà non si annienta nell’etere. Innanzitutto, si sposta nel Cestino, dove la sua posizione indicizzata rimane al suo posto nel caso tu voglia ripristinarlo. Quando si elimina il file dal Cestino, il sistema operativo rimuove completamente il file e lo spazio torna disponibile per nuovi dati.

Questo significa che i dati rimangono recuperabili, almeno per un breve periodo.

Cancellazione dati su SSD

Un SSD è diverso da un normale disco rigido a causa della tecnologia di archiviazione dei dati. L’SSD memorizza i dati nelle celle. Prima di scrivere nuovi dati in una cella, deve spostare i dati esistenti in un’altra posizione sull’unità.

Durante le normali operazioni, gli SSD essenzialmente azzerano rapidamente i dati che contengono le celle prima di riscrivere i dati. Gli SSD mantengono il controllo su dove vengono scritti i dati all’interno delle celle. Ciò significa che il sistema operativo potrebbe richiedere la scrittura dei dati nel blocco 1.000, mentre la tabella dei puntatori SSD contiene un numero completamente diverso. Questo è noto come livellamento dell’usura.

I dati continuano a scrivere sull’SSD. Esso gestisce la posizione dei dati, assicurando che ci sia spazio per i nuovi dati da scrivere sull’unità. Tuttavia, il sistema operativo potrebbe contrassegnare un blocco come vuoto in base ai suoi record, mentre l’SSD sposta i dati per garantire un’usura uniforme.

È qui che entra in gioco il comando TRIM. TRIM permette al sistema operativo di dire al controller del disco SSD quali blocchi può eliminare. Il processo mantiene veloce il processo di scrittura dei dati poiché non è necessario attendere che il blocco si azzeri. Il rovescio della medaglia di tale utilità è che non si sa quando il comando TRIM informerà su quali blocchi siano stati azzerati.

Come individuare un SSD guasto e salvare i dati

Il modo migliore per fermare una catastrofica perdita di dati dal tuo SSD è capire i segnali di pericolo. Il tuo vecchio hard disk dà parecchi segnali che sta per rompersi: ronza, scatta ed emette un segnale acustico prima di morire definitivamente. Ma il tuo SSD non dà quei segnali di avvertimento udibili.

Ci sono diversi segnali di avvertimento che il tuo SSD sta per lasciarti:

Errori di blocco non validi: non è possibile scrivere su un blocco specifico sull’SSD, blocchi ed errori casuali, arresti anomali casuali
Impossibile scrivere su disco: come si dice, non è più possibile scrivere sull’SSD, che a sua volta causa arresti anomali, errori e altro
Riparazione del file system: è necessario riparare il file system operativo sempre più di frequente
Avvio anomalo: il sistema operativo non si avvia correttamente e il sistema non si carica
Sola lettura: l’SSD passa improvvisamente alla modalità di sola lettura, impedendoti di scrivere nuovi dati sull’unità.

Questi non sono gli unici indicatori che precedono il guasto di un SSD, ma sono i più comuni. Un sistema di backup sano dovrebbe far parte della routine di qualsiasi utente: non sai mai quando potrebbe succedere qualcosa e nessuno vuole perdersi dati importanti.

Controlla la salute del tuo SSD

Puoi anche controllare lo stato del tuo SSD, assicurandoti che un errore e una perdita di dati non siano in agguato nel prossimo processo di avvio. I risultati del software variano a seconda dell’hardware e del sistema operativo, ma puoi scoprire se il tuo SSD funziona bene.

Gli utenti Windows potrebbero voler provare CrystalDiskMark, gli utenti macOS possono dare un’occhiata a Smart Reporter Lite e gli utenti Linux dovrebbero dare un’occhiata a Smartmontools.

Quindi è possibile recuperare i dati persi da un SSD?

Sì, è possibile.
A patto di rivolgersi ad operatori specializzati che possono contare su attrezzature hardware e software e le competenze necessarie per intervenire ed approntare un processo di recupero dei dati sicuro ed affidabile.

Affidati a noi di Italia Assistance: contatta il nostro team compilando il modulo, scrivendoci all’indirizzo info@italyassistance.it o telefonando al numero 0828 671007.

Leggi anche
Come recuperare i messaggi cancellati su Whatsapp

Recuperare i messaggi cancellati su WhatsApp può essere semplice, se sai come farlo. In alcune circostanze è persino possibile ripristinare messaggi molto vecchi: ecco come.

Come recuperare i video cancellati da iPhone: 5 metodi collaudati

La possibilità che almeno un metodo funzioni è alta, ma se nessuno dovesse bastare potrai sempre rivolgerti al nostro laboratorio specializzato nel recupero dei dati.

Recupero dati sicuro e veloce a partire da € 299

Con un team di tecnici specializzati, tecnologie avanzate ed esperienza nel settore, riusciamo a fornire un recupero dati sicuro e conveniente. Richiedi una valutazione gratuita.

INVIA RICHIESTA