Guarda “Com’è fatto” che ci spiega come funziona un hard disk

Se come noi amate sapere come sono fatte le cose, dalla progettazione alla produzione vera e propria, sarete anche voi appassionati di Come è fatto!

Il programma televisivo di grande successo, prodotto in Canada e trasmesso dal 2001 in decine di paesi di tutto il mondo – anche in Italia – prevalentemente sui canali del pacchetto Discovery Channel, racconta con una serie di filmati e un commento di spiegazione fuori campo, tutte le fasi di produzione di alimenti, strumenti e qualsiasi genere di oggetto di uso frequente o comunque molto noto, dai wurstel alle monete, dal telecomando alla birra.

Tra le mille cose che si possono conoscere grazie a questo programma tv, c’è quella che per noi è una vera e propria chicca: una puntata della versione “Come funziona” dedicata a Come funziona un hard disk.

Guardatelo con noi *-*

In particolare questa puntata di Come funziona, ci offre la possibilità di conoscere nel dettaglio i vari componenti: una scheda a circuiti stampati che riceve ordini dal pc e controlla il disco; un motore elettrico che fa girare il disco rigido; i bracci dell’attuatore che sostengono le unità di lettura e di scrittura e i platter, ovvero i dischi.

Testine e piatti non si toccano mai perché sono separate da uno spazio cinquemila volte più sottile di un capello. Le testine sono sospese sul disco grazie ad un cuscino d’aria creato grazie alla rotazione del disco, che impedisce loro di toccarlo altrimenti si assisterebbe ad una bella collisione e non soltanto in senso metaforico… Il peso delle testine, infatti, con le dovute proporzioni, equivale a quello di un Boeing 747 con 100mila passeggeri a bordo che vola a 100km/h a una frazione di millimetro da terra!

Non essendovi alcun attrito che rallenta il processo, i bracci muovono le testine per scrivere o accedere ai dati. Il motore che sposta i bracci è invisibile perché è un sistema azionato da due forze come elettricità e magnetismo che spostano i bracci avanti e indietro sul disco alla velocità della luce.

Adesso è più facile capire come data la complessità di un hard disk, ogni azione di riparazione, apertura e tentativo di ripristino dei dati, debba essere effettuato in sicurezza, con attrezzature tecnologiche e dalle mani esperte di un laboratorio di recupero dati!

Esaminati i componenti di un disco rigido, si passa poi a parlare di dati. Questi sono memorizzati all’interno di sottili piste concentriche. Durante la fabbricazione vengono create sulla superficie del disco e ognuna è divisa in settori. Una mappa dei settori suggerisce alle testine dove leggere o scrivere informazioni. La superficie del disco è liscia e lucida ma da vicino appare molto complessa: una pellicola magnetica sulla superficie memorizza le informazioni; le testine magnetizzano sezioni della pellicola e memorizzano i dati in una sequenza di uno o di zeri; ogni uno o zero è un bit.

Il valore di ciascun bit è determinato dall’orientamento del suo campo magnetico, positivo o negativo. I bit si aggregano in poco tempo: una foto di qualità ad esempio richiede 29 milioni di bit distribuiti su 12 diversi settori del disco. Non è una cifra esorbitante se pensiamo che un enorme quantità di bit occupa uno spazio davvero ridotto: ogni centimetro quadrato contiene 31 miliari di bit.

Insomma una macchina incredibile, un vero capolavoro dell’ingegneria. E se qualcosa dovesse andare storto con i nostri hard disk, ricordiamoci di affidarli ad un servizio professionale di recupero dati.

Leggi anche
Ecco un nuovo tool per il recupero dati: scopri le caratteristiche

La dotazione tecnologica del nostro laboratorio si arricchisce di un nuovo tool potente e innovativo: migliora la capacità di recupero dati, anche in ambito forense.

Come garantire business continuity in caso di perdita di dati

La pianificazione del ripristino di dati in caso di emergenza è una delle parti principali della business continuity. Ecco i nostri consigli su come orientarsi per la creazione di un piano di recupero personalizzato per i dati della tua azienda.

Recupero dati sicuro e veloce a partire da € 249

Con un team di tecnici specializzati, tecnologie avanzate ed esperienza nel settore, riusciamo a fornire un recupero dati sicuro e conveniente. Richiedi una valutazione gratuita.

INVIA RICHIESTA